Fa bene è un marchio che rappresenta una rete di comunità che fanno crescere relazioni di prossimità.

Il punto di partenza è il cibo, espressione concreta e metafora della vita.

Fa Bene è' una esperienza di prossimità nata a Torino nel mercato di Piazza Foroni nel 2013 attraverso la pratica della Spesa Sospesa mutuata da quella del Caffè Sospeso, molto conosciuta nel sud d’Italia. Nasce dalla sensibilità di mercatali e operatori sociali di rispondere in modo concreto alle difficoltà delle famiglie del quartiere messi in ginocchio dalla prima grande crisi economica del 2008. Il quartiere molto popoloso e popolare, è abitato da persone a basso reddito e da ex classe operaia, molti dei quali immigrati dal sud, che si è sempre dimostrata pronta a rispondere in modo generoso, collaborativo, creativo, intelligente ed efficacia, alle molteplici difficoltà che hanno attraversato il quartiere sin dall’inizio del ‘900. L’Associazione Plug Creativity ha realizzato un marchio grafico capace di identificare quella risposta innovativa. S-nodi, Caritas Italiana e Caritas Diocesana di Torino, hanno sostenuto l'implementazione la messa a sistema della pratica con attività di ricerca scientifica, advocacy e progettazione. Oggi il marchio è di proprietà di S-nodi che lo mette a disposizione degli attori che si impegnano per realizzarne i valori.
Fa Bene è una linea creativa di interventi che permettono di fare scelte belle, buone e giuste che fanno bene alla comunità e al mondo. Fa Bene crea servizi per migliorare la salute, l’integrità e la felicità pubblica. Fa Bene sviluppa prodotti che permettono di fare scelte quotidiane consapevoli dell'impatto sociale, economico e ambientale.
Fa Bene crede in una società più bella, più buona, più giusta, fatta di persone autentiche e consapevoli nei gesti e nelle azioni, in grado di mettere in circolo e moltiplicare risorse: tempo, impegno, intenzioni, capitale umano, sociale ed economico.

Per realizzare i valori Fa Bene occorrono scelte intenzionali che:

  1. mettano al centro il rispetto della dignità di sè, degli altri, del mondo;
  2. riconoscano il valore della reciprocità;
  3. valorizzino il patrimonio di prossimità depositato nei territori;
  4. tutelino la salute delle persone e dell’ambiente;
  5. producano partnership ad impatto nell’inclusione lavorativa e sociale delle persone e dei gruppi più marginali.